Chiudi il banner
Questo sito utilizza esclusivamente cookie analytics e tecnici.

Ai sensi del provvedimento n. 229 dell'8 maggio 2014 del Garante della Protezione dei Dati Personali per l'installazione dei cookie tecnici non è richiesto il consenso degli utenti (art. 13 del Codice privacy).

Per maggiori informazioni consulta l'informativa estesa

Coronavirus. Misure e disposizioni per fronteggiare l'emergenza sanitaria.

Coronavirus. Misure e disposizioni per fronteggiare l'emergenza sanitaria. Limitazione spostamenti. Modulistica AGGIORNATA di autocertificazione spostamenti. Chiusura degli esercizi commerciali Domenica 12 e Lunedì 13 Aprile in tutta la Regione Toscana.

CORONAVIRUS. COS’E’

Il virus responsabile dell’epidemia partita da alcune province della Cina, è un nuovo ceppo di coronavirus mai identificato in precedenza nell’uomo. I coronavirus fanno parte di una vasta famiglia di virus che possono causare un raffreddore comune, una forma lieve simile all’influenza ma anche  malattie più gravi come la sindrome respiratoria mediorientale (MERS) e la sindrome respiratoria acuta grave (SARS). 

Come si trasmette
Si diffonde principalmente attraverso il contatto stretto con una persona malata. La via primaria sono le  goccioline del respiro delle persone infette ad esempio tramite la saliva, tossendo e starnutendo, i contatti diretti personali e le mani, ad esempio toccando con le mani contaminate (non ancora lavate) bocca, naso o occhi

Raccomandazioni per tutti i cittadini

Le raccomandazioni per ridurre l'esposizione e la trasmissione della possibile malattia sono analoghe a quelle previste per la sindrome influenzale “dieci regole generali”:

  1. Lavarsi le mani frequentemente, fuori casa usare un gel alcolico
  2. Pulire le superfici con disinfettanti a base di alcool o cloro
  3. Coprire naso e bocca in caso di stranuti o colpi di tosse
  4. Prendere farmaci antivirali o antibiotici solo su prescrizione medica
  5. Evitare il contatto ravvicinato con le persone ( mantenere la distanza di almeno un metro)
  6. Usare la mascherina solo se si sospetta di essere ammalati o si assistono malati
  7. In caso di febbre, raffreddore o tosse, CONTATTARE IL MEDICO e non recarti presso strutture ambulatoriali, Ospedale o Pronto Soccorso
  8. Nel caso in cui si abbiano avuti contatti stretti con casi confermati di Covid-19 , contattare i numeri telefonici messi a disposizione dalle aziende sanitarie: ASL Toscana Sud Est 800579579
  9. Rimanda prestazioni ambulatoriali e ricoveri programmati
  10. Gli animali da compagnia non diffondono il Coronavirus, tuttavia è sempre buona norma lavarsi le mani dopo il contatto con gli animali     

[ - ] Ulteriori informazioni

 

[ - ] Supporto psicologico alla popolazione

Il Sistema di protezione Civile regionale si è attivato, in coordinamento con il Sistema sanitario della Regione Toscana per garantire supporto psicologico alla popolazione in questo momento di particolare criticità.

 

[ - ] Limitazione spostamenti. Modello di autocertificazione. Spesa per acquisto di beni essenziali

Dal 21/03/2020:   - è vietato l'accesso ai parchi, alle ville, alle aree gioco e ai giardini pubblici;    - non è consentito svolgere attività ludica o ricreativa all'aperto ( consentito svolgere in forma individuale attività motoria in prossimità della propria abitazione)

- Si fa inoltre presente che tutte le persone che facciano ingresso in Italia, con qualsiasi mezzo di trasporto, sono obbligate a segnalare immediatamente il proprio ingresso al Dipartimento di prevenzione dell'ASL competente per territorio e sono sottoposte all'isolamento fiduciario per 14 giorni.

Per tutti coloro che abbiano necessità di autocertificare la motivazione degli spostamenti, nei casi in cui il decreto li ammette, si allega fac-simile di autocertificazione.

Per quanto concerne la spesa per l'acquisto di beni essenziali essa va fatta nel proprio Comune, nel posto più vicino alla propria abitazione o, per chi non lavora a casa, vicino al luogo di lavoro, al fine di ridurre gli spostamenti al minimo indispensabile. Possono esserci aperture interpretative nel caso in cui nel comune non vi siano punti vendita o essi siano di così ridotte dimensioni da potersi presumere verosimilmente assembramenti ovvero l'abitazione sia più vicina al punto vendita del comune limitrofo.

[ - ] Iniziativa "La spesa a casa tua"

La Misericordia offre ai cittadini che ne abbiano necessità un servizio di consegna a domicilio di farmaci e generi alimentari telefonando al numero 3381419547.

[ - ] Accesso agli uffici comunali. Proroga validità carta d'identità. Proroga validità autorizzazioni ZTL.

Gli uffici comunali sono aperti e a disposizione. Si invitano i cittadini a contattarci preventivamente per telefono o per email   e a fissare un appuntamento.

Nel caso in cui sia necessario accedere direttamente agli uffici si ricorda ai cittadini il rispetto delle disposizioni emanate, ossia la pulizia delle mani con appositi detergenti e l’osservanza della distanza di sicurezza.

Si fa presente che la validità delle carte d'identità scadute o in scadenza è prorogata fino al 31/08/2020 ( art.104 D.L. 18 del 17/03/2020.)

E' altresì prorogata la validità di certificati, attestati, permessi ( PERMESSI ZTL), concessioni, autorizzazioni e atti abilitativi comunque denominati, in scadenza tra il il 31/01/2020 ed il 15/04/2020 conservano la loro validità fino al 15/06/2020 ( art. 103 D.L. 18 del 17/03/2020).

- A scopo precauzionale in data 22/03/2020 è stata disposta la chiusura del cimitero comunale, con il fine di mitigare il rischio di diffusione del Covid-19.

[ - ] Raccolta differenziata

- I soggetti positivi o in quarantena  devono osservare particolari cautele nello smaltimento dei rifiuti

- I sacchi per la raccolta differenziata non POSSONO PIU’ ESSERE RITIRATI presso i centri di raccolta né presso il Comune.
Verranno recapitati direttamente al domicilio del richiedente.
La richiesta va fatta per telefono chiamando il numero 0575 83801

[ - ] Solidarietà alimentare . Buoni spesa.

I cittadini residenti in Lucignano, compresi quelli temporaneamente domiciliati nel Comune, in condizioni di particolare disagio in conseguenza della situazione di emergenza dovuta alla diffusione del contagio da Covid-19, ai sensi dell’art.2 dell’Ordinanza n.658 del Presidente del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della Protezione Civile- possono avanzare istanza ai Servizi Sociali del Comune per la fruizione delle misure di solidarietà alimentare.

L’istanza, redatta nell'apposito  modello, dovrà pervenire tramite email all’indirizzo protocollo@comune.lucignano.ar.it oppure tramite fax al numero 0575 838026 ( allegando copia di un documento di identità).

Nel caso in cui non fosse possibile inviare la modulistica con gli strumenti sopra indicati, è necessario prendere appuntamento per recarsi in Comune. Tel. 0575 – 838036 – 83802

- Elenco delle attività commerciali aderenti all'iniziativa.

Supermercato Palazzi Via Matteotti n. 22,  0575 836597

Macelleria Bruschi Massimiliano Via Rosini n. 24, 0575 836038

Macelleria Scarpelli Barbara Via Matteotti n. 31,  0575 836205

Macelleria Rosticceria da Ilaria Porta San Giovanni n. 1 , 3473083944

Panetteria Braco Via Roma n. 62 -64,  0575 837263

Panificio Redi & Scarpelli Via Gramsci n. 29 , 0575 837037

Azienda Agricola Braconi Marcello Via dei Procacci – Loc. La Croce, 3335337595

Farmacia Bartolacci Giuliano Via Matteotti n. 61, 3405789621

Parafarmacia Erboristeria Paghi Gabriele Via Rosini n. 17,  0575 844349

- Conto corrente per donazioni

I cittadini o le associazioni che volessero effetuare donazioni a sostegno delle persone in condizioni di particolare disagio in conseguenza della situazione di emergenza dovuta alla diffusione del contagio da Covid-19, possono farlo nel conto IT 17 B 01030 71490 000000608866 CC Monte dei Paschi indicando come causale Emergenza Covid19 _ Lucignano

 

[ - ] Obbligatorietà dell'uso della mascherina

Con Ordinanza n. 26 del 6/04/2020 del Presidente della Giunta Regionale Toscana è stata disposta l'obbligatorietà dell'uso della mascherina in tutto il territorio regionale. E'stata altresì prevista la distribuzione alla popolazione di mascherine da parte dei comuni. Nei singoli comuni l'ordinanza entra in vigore appena terminate le operazioni di consegna delle mascherine stesse.

 Le operazioni di consegna delle mascherine nel comune di Lucignano sono terminate il 9 aprile 2020. Chi non le avesse ricevute può contattare il Comune ai numeri 057583801 oppure 0575838032.

E' pertanto obbligatorio indossare la mascherina:

- in spazi chiusi, pubblici e privati aperti al pubblico, in presenza di più persone, oltre che nei mezzi di trasporto pubblico locale, nei servizi non di linea taxi e noleggio con conducente;

- in spazi aperti, pubblici o aperti al pubblico, quando, in presenza di più persone, è obbligatorio il mantenimento della distanza sociale.

L'uso della mascherina non autorizza ad uscire e spostarsi, in casi diversi ed ulteriori da quelli ammessi dalle norme volte a contenere il contagio da Covid-19.

Sono esentati dall'uso i bambini di età inferiore ai 6 anni e le persone che non tollerino l’utilizzo delle mascherine a causa di particolari condizioni psicofisicheattestate da certificazione rilasciata da mmg/pls;

 

[ - ] Attività che possono riaprire il 14 aprile

Il DPCM del 10/04/2020 ha previsto che dal 14/04/2020 possano riaprire le attività che commerciano carta, cartone e articoli di cartoleria e quelle che commerciano al dettaglio libri e vestiti per bambini e neonati.

 

[ - ] Attività agricola amatoriale

Con Ordinanza n.36 in materia di agricoltura, controllo fauna selvatica e forestazione, la Regione Toscana ha previsto che è ammesso "lo spostamento all’interno del proprio comune o verso altri comuni giustificato per motivi di assoluta necessità correlati allo svolgimento di attività agricole amatoriali"...."esclusivamente alle seguenti condizioni:

a)che avvenga non più di una volta al giorno;

 b)che sia effettuato da massimo due componenti per nucleo familiare;

 c)che le attività da svolgere siano limitate a quelle necessarie alla tutela delle produzioni vegetali edegli animali allevati, consistenti nelle minime, ma indispensabili operazioni colturali che la stagione impone ovvero per accudire gli animali allevati"

E' stato altresì previsto che spostamento all’interno del proprio comune o verso altri comuni per lo svolgimento di attività selvicolturali libere può essere effettuato nel pieno rispetto di tutte le norme di sicurezza relative al contenimento del contagio da COVID – 19 ed esclusivamente alle seguenti condizioni:1)che avvengano non più di una volta al giorno;2)che sia effettuato da massimo due componenti per nucleo familiare

[ - ] Misure regionali di contenimento del contagio nei luoghi di lavoro

Con ordinanza n. 38 d del 18/04/2020 la Regione Toscana ha previsto misure volte a contenere il contagio nei luoghi di lavoro:

- test sierologici per determinate categorie di lavoratori

- particolari cautele nei mezzi di trasporto ( mascherina e guanti monouso)

- il divieto di recarsi sul posto di lavoro e l’obbligo di rimanere al proprio domicilio in presenza di febbre o altri sintomi influenzali;

- nel luogo di lavoro:  rispetto della distanza di sicurezza ( 1,8 metri), igiene delle mani, uso della mascherina chiururgica  ( FFP2 se la distanza non può essere maggiore di 1,80 metri)

- sanificazione ambienti (almeno una volta al giorno, con prodotti disinfettanti a base di etanolo al 70% o cloro), [ è altresì prevista la registrazione da parte del datore di lavoro di tali adempimenti ]

- frequente ricambio d'aria / sanificazione degli impianti di areazione

- nelle mense: rispetto della distanza di sicurezza, sanificazione dei tavoli dopo ogno pasto, possibile consumo del pasto anche nella singola postazione di lavoro

- Gli esercizi commerciali, oltre il rispetto delle sopra richiamate norme, devono contingentare gli ingressi ai locali al fine del rispetto della distanza di sicurezza, consentire l’accesso solo a chi indossa mascherina protettiva, che copra naso e bocca, dopo la sanificazione delle mani e aver indossato guanti monouso, mettere a disposzione disinfettanti per carrelli / cestelli, posizionare pannelli di separazione tra i lavoratori e l’utenza, obbligo di fornire informazione per garantire il distanziamento dei clienti

 - i datori di lavoro hanno l’obbligo di redigere un protocollo di sicurezza anti-contagio

 

[ - ] "Fase due"

Con il d.p.c.m. del 26 aprile sono state emanate disposizioni che danno avvio alla c.d. "fase due", di convivenza con il virus. Vengono riaperte attività produttive, si ampliano le possibilità di spostamento delle persone fisiche. Vengono previste cautele e precauzioni perchè le attività lavorative e non lavorative si svolgano in sicurezza.